• POLIMNIA community

Il Q.I. dei nostri figli è in diminuzione

Dagli anni '90 il Q.I. medio della popolazione mondiale è in diminuzione... parola di Christophe Clavè

Vi proponiamo questo breve saggio di Christophe Clavè sulla diminuzione del quoziente intellettivo (Q.I) nella popolazione odierna. La causa è probabilmente l'utilizzo eccessivo della tecnologia che ha impoverito il linguaggio e il campo lessicale che impediscono lo sviluppo e il formulare un pensiero complesso.

Meno parole e meno verbi coniugati vuol dire la diminuzione della capacità di esprimere emozioni e opportunità di pensare. Più povera è la lingua, meno pensiero esiste. Per contrastare questa diminuzione del Q.I. medio, basta ricominciare a leggere, ampliando così il nostro vocabolario.

"Il Quoziente d'Intelligenza (QI) medio della popolazione mondiale è in continuo aumento (effetto Flynn). Questo almeno dal secondo dopoguerra fino alla fine degli anni 90.
Da allora, il QI è invece in diminuzione... è l'inversione dell'Effetto Flynn.
La tesi è ancora discussa e molti studi sono in corso da anni senza riuscire a placare il dibattito. Sembra che il livello d'intelligenza misurato dai test diminuisca nei Paesi più sviluppati.
Molte possono essere le cause di questo fenomeno: una di queste potrebbe essere l'impoverimento del linguaggio. Diversi studi dimostrano infatti la diminuzione della conoscenza lessicale e l'impoverimento della lingua: non si tratta solo della riduzione del vocabolario utilizzato, ma anche delle sottigliezze linguistiche che permettono di elaborare e formulare un pensiero complesso.
La graduale scomparsa dei tempi (congiuntivo, imperfetto, forme composte del futuro, participio passato) dà luogo a un pensiero quasi sempre al presente, limitato al momento: incapace di proiezioni nel tempo. La semplificazione dei tutorial, la scomparsa delle maiuscole e della punteggiatura sono esempi di «colpi mortali» alla precisione e alla varietà dell'espressione.
Solo un esempio: eliminare la parola «signorina» (ormai desueta) non vuol dire solo rinunciare all'estetica di una parola, ma anche promuovere involontariamente l'idea che tra una bambina e una donna non ci siano fasi intermedie.
Meno parole e meno verbi coniugati implicano meno capacità di esprimere le emozioni e meno possibilità di elaborare un pensiero.
Gli studi hanno dimostrato come parte della violenza nella sfera pubblica e privata derivi direttamente dall'incapacità di descrivere le proprie emozioni attraverso le parole. Senza parole per costruire un ragionamento, il pensiero complesso è reso impossibile. Più povero è il linguaggio, più il pensiero scompare.
La storia è ricca di esempi e molti libri (Georges Orwell - 1984; Ray Bradbury - Fahrenheit 451) hanno raccontato come tutti i regimi totalitari hanno sempre ostacolato il pensiero, attraverso una riduzione del numero e del senso delle parole. Se non esistono pensieri, non esistono pensieri critici.
E non c'è pensiero senza parole.
Come si può costruire un pensiero ipotetico-deduttivo senza il condizionale? Come si può prendere in considerazione il futuro senza una coniugazione al futuro? Come è possibile catturare una temporalità, una successione di elementi nel tempo, siano essi passati o futuri, e la loro durata relativa, senza una lingua che distingue tra ciò che avrebbe potuto essere, ciò che è stato, ciò che è, ciò che potrebbe essere, e ciò che sarà dopo che ciò che sarebbe potuto accadere, è realmente accaduto?
Cari genitori e insegnanti: facciamo parlare, leggere e scrivere i nostri figli, i nostri studenti. Insegnare e praticare la lingua nelle sue forme più diverse. Anche se sembra complicata. Soprattutto se è complicata. Perché in questo sforzo c'è la libertà.
Coloro che affermano la necessità di semplificare l'ortografia, scontare la lingua dei suoi «difetti», abolire i generi, i tempi, le sfumature, tutto ciò che crea complessità, sono i veri artefici dell'impoverimento della mente umana.
Non c'è libertà senza necessità. Non c'è bellezza senza il pensiero della bellezza".

Christophe Clavè




9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
 

(+39) 3348951007

Lungadige Catena 5, Verona

  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn

©2020 di POLIMNIA SRL. Design for Polimnia srl by Jacopo Genovese - Sede legale: Via Scuole 114, Sommacampagna (VR) - P.IVA: 04699840239 - PEC: polimniasrl@pec.it 

Privacy Policy